Home_gym_BearFitness

Come ottenere il massimo dalla propria home gym.

Home gym palestra in casa BearFitness functional training at home

Siamo un popolo. Siamo “legione”, come direbbe qualcun altro.

Lo eravamo anche prima, certo: ma ora siamo sicuramente in molti di più. Girano dei grafici che mostrano come le ricerche su Google della parola chiave “attrezzatura per allenarsi a casa” siano schizzate alle stelle.

Esatto: siamo quelli che si allenano a casa. In una stanza che doveva essere il tuo studio, o la stireria di tua moglie. In garage. In taverna. All’aperto, in giardino, a metà tra portico e vialetto.

Ti ho già spiegato cosa ti serve per cominciare a mettere in piedi una home gym degna di questo nome: è una delle specialità BearFitness, in fondo.

In questo articolo ti voglio dare qualche dritta su come ottenere il meglio dalla tua palestra casalinga.

home gym palestra in giardino Bear Fitness

Perché costruirsi una home gym

Diciamo che non tutti abbiamo l’attitudine giusta per godere di una palestra in casa.

Per alcuni, la palestra o il box rappresentano qualcosa di più che un semplice “posto dove allenarsi”. C’è la socialità, la fatica condivisa, la possibilità di socializzare (per qualcuno, anche quella di trovare l’amore). Ci sono le pacche sulle spalle, le risate, l’epica condivisa.

E c’è la birretta del dopo WOD.

Per altri, un abbonamento in palestra rappresenta il 95% della motivazione a fare una qualunque attività fisica.

Attenzione: le statistiche dicono che durante questa quarantena, l’87% degli iscritti a una palestra neanche sa di essere iscritto… e tanto meno che le palestre sono chiuse da più di un mese.

87% iscritti a palestra non sanno che sono chiuse per lockdown

Per altri è diverso. Incastrare un passaggio in palestra lungo il tragitto lavoro-casa dopo una lunga giornata può essere uno stress. Quel tipo che fa curl nello squat rack può essere uno stress. Pagare l’abbonamento: stress. Dover dire di no ogni volta che appena entri ti propongono la lezione prova di zumba o pilates, o di qualche combinazione di fit-acro-power-kick-upper-body-boxe-bruciagrassi: stress, stress, stress.

Per altri ancora, infine, l’allenamento rappresenta più una situazione spirituale, da consumare religiosamente da soli, nella propria sfera di concentrazione. 

Ci aggiungo il fatto che la comodità di avere la palestra in casa è notevole anche dal punto di vista della logistica. Arrivi dal lavoro, ti cambi, ti alleni, fai la doccia, et voilà: sei a cena con la tua famiglia. 

Oppure puoi allenarti dopo cena. O la mattina all’alba.

Insomma: possibilità è la parola chiave. 

Organizzazione e motivazione

In parte dovresti esserti motivato già scorrendo le pagine dell’e-shop BearFitness, e riempiendo il carrello con la nostra attrezzatura.

Un altro momento motivante è la messa in posa della palestra, con il corollario delle piccole e grandi decisioni che vanno prese per trasformare il tuo sogno di home gym in realtà.

Il rack va per forza qui, quindi i dischi potrebbero stare vicini.

Il poster del primo Rocky lo appendo qui.

Dovrei procurarmi uno specchio per il flex – cioè: per tenere controllata la tecnica delle alzate.

I cavi per le casse da 500 watt dovrei nasconderli? 

Dov’è il mio shaker per l’intra-workout preferito?

Cose così.

In realtà devi stare attento perché, come per tutto, anche l’entusiasmo per la home gym può iniziare a sfumare già mentre ti infili per la prima volta la canottiera traspirante che ti hanno regalato con l’ultimo ordine di whey.

È qui che entra in gioco la componente strettamente motivazionale dell’avere una palestra in casa.

Devi sapere cosa farci, con quei quintali di ghisa che adesso rischiano di incrinare il pavimento dello studio… e il rapporto con la tua dolce metà, appena questa avrà scoperto quanto ci hai speso.

Scegli chi sei.

Il professionista

Sai già il fatto tuo, allora. Ti sei già allenato qualche anno, in palestra o al box, e conosci la tecnica degli esercizi (e anche il tuo corpo). Insomma: ti sai arrangiare. Per te si tratta solamente di decidere come proseguire la tua carriera di allenamento: cioè, di farti una scheda. 

Perché se ti sei iscritto alla categoria “professionisti”, lo sai che non può andare avanti con la stessa scheda fotocopiata che il ragazzino in sala pesi ti ha dato… 18 mesi fa.

Giusto?

Come ti potrai allenare ha in parte anche a che fare con la disponibilità di spazio e attrezzatura che hai. 

Comunque: internet è pieno zeppo di risorse – di ogni livello. Oppure puoi iniziare leggendo qualche classico dell’allenamento con i pesi.

Il principiante 

Soprattutto se lasciato a te stesso, il rischio che corri è quello del disturbo dell’attenzione. Stai particolarmente attento al web, altrimenti oggi farai il primo workout per un core d’acciaio. Domani scoprirai un mesociclo specializzato in rest-pause per aggiungere 2 chili alla panca piana (se però ne hai già 200). E l’indomani ancora troverai un video “Tutto sugli HIIT” che ti ispira moltissimo.

Ah, ricordati che per giovedì ti sei iscritto alla prima lezione online di fit-acro-power-ci-siamo-capiti.

Per cui chiedi all’amico che ne sa, oppure pensa alla possibilità di affidarti a un coach online (che però andrà scelto con cura).

La persona normale

C’è anche la possibilità di essere una persona normale, sì. Anche parlando di allenamenti con bilanciere, certo.

Sei motivato, hai voglia di uscire dalla quarantena – e di tornare al lavoro – con una forma umana, hai del tempo da dedicare sia all’allenamento che al recupero, ti sei già allenato con i pesi… insomma, le condizioni ci sono.

Scegli un metodo base per la forza e, se c’è qualche chilo di grasso da bruciare, un circuito HIIT a corpo libero, e dacci dentro con regolarità. Se non sei sicuro di qualche esercizio, studia i video su youtube. E tieni a bada gli snack fuori orario.

Ecco: è fatta, nella comodità della tua casa.

Un ultimo consiglio

The Bear non vuole certo mettere il naso nel tuo rapporto di coppia o nel tuo matrimonio, ma… lo sai che la “stanza dei giochi” ????può essere divisa con la tua dolce metà, al punto che potete pensare anche di allenarvi assieme?

Di solito ci si guadagna in motivazione, velocità per raggiungere gli obiettivi, e affiatamento.

Sei geloso della tua home gym?

Non devi: e se hai bisogno di una “batcaverna” tutta tua, ricordati che hai sempre il garage convertito a laboratorio di bricolage, dove c’è quel mobiletto che sono sei anni che devi finire di sistemare.

Ci siamo capiti.

× Hai bisogno di aiuto?